Fase sempre instabile con piogge e nevicate per clima più freddo

Published in News Meteo

Le previsioni meteo dal 29 Novembre al 5 Dicembre 2021.

 

[Aggiornamento a cura di Thomas Di Fiore dell'Associazione AQ Caput Frigoris].

In queste ore, l’aria fredda di origine artico marittima, è oramai giunta sul mediterraneo, dando luogo a dei fenomeni sparsi, a volte più intensi a volte meno, lungo la nostra penisola. Per farla breve, nei prossimi giorni, avremo ancora diffusa instabilità sulle regioni peninsulari, con delle nevicate fino a quote basse su quelle centrali ed oltre i 1000 m sui rilievi meridionali. Poi Mercoledì, sembra una giornata di transizione con tempo migliore un po' ovunque, mentre già da Giovedì, con la rotazione delle correnti da sud ovest, potranno tornare dei fenomeni, in qualche caso tra moderati e forti. Ma vediamo l’evoluzione giorno per giorno.

Lunedì 29, sarà una giornata caratterizzata da un cielo poco nuvoloso sulle regioni settentrionali. Possibilità di nebbie al mattino in val Padana e nelle vallate minori. Al centro, fenomeni a carattere di rovescio, con piogge e nevicate oltre i 600 m circa, su bassa Toscana, Umbria, Marche, Lazio Abruzzo, Molise e praticamente tutto il sud, ove la neve cadrà oltre i 1000 m circa.  Fenomeni presenti anche sulla Sardegna e la Sicilia. Temperature in diminuzione con valori ad 850 hpa tra i -2 ed i -4°c al nord, un pochino più elevate al centro, sulle regioni meridionali sui +1°c. Venti da nord ovest, praticamente un po' dappertutto, mentre tenderanno a ruotare da nord est lungo le adriatiche tra il pomeriggio e la sera.

Martedì, ancora qualche disturbo sulle regioni meridionali al mattino, ma nulla di rilevante. Nubi lungo le aree di confine sull arco alpino. Tra nord e centro tempo generalmente buono, ove non saranno da escludere delle gelate notturne ed al primo mattino. Nuvolosità irregolare sulle regioni meridionali, con delle schiarite a seguire. I venti ruoteranno da ovest sud ovest, temperature ancora in calo nella notte, in ripresa invece nei valori massimi.

Mercoledì 1 Dicembre, inizio dell’inverno meteorologico, correnti più miti dalla Spagna, si porteranno sull’Italia. Nuvolosità in aumento sui versanti tirrenici, ove non sarà da escludere qualche fenomeno sulle alpi piemontesi, nevose oltre i 1000 m e localmente più in basso. Possibilità di precipitazioni sull’appennino centrale. Temperature stazionarie al nord, in lieve aumento al centro ed al sud, venti generalmente occidentali.

Giovedì, tempo molto instabile su gran parte della penisola con frequenti rovesci al nord e soprattutto nella seconda parte della giornata lungo l’appennino centrale ove potranno risultare forti sull Abruzzo occidentale. Temperature stazionarie al nord ed al centro, in leggero aumento al sud.

Venerdì, più freddo tra il nord ed il centro, sempre possibilità di fenomeni soprattutto sulla fascia peninsulare. Temperature quindi in calo, con valori tra i -4 ed i -5°c ad 850 hpa, al nord, intorno ai – 1°c /2°c al centro e +3°c al meridione. Nevicate oltre i 900 m al centro, 1400 m sull’appennino Calabro. Venti da nord est sulle Venezie, Emilia Romagna, centrali adriatiche, da nord nord ovest al sud.

Sabato, possibilità di fenomeni sui versanti di confine alpini tra il Piemonte e la Valle d’Aosta ed in qualche caso sull’appennino settentrionale e meridionale. Temperature in leggero calo lungo le adriatiche, venti da ovest nord ovest quasi ovunque.

Domenica, al momento l’instabilità appare possibile con delle precipitazioni lungo il versante tirrenico, tra la Toscana e la Calabria. Venti da ovest, senza variazioni di rilievo, con valori tra il nord ed il sud tra i -3°c ai +1°c.

 

In Abruzzo.

Settimana sempre sotto l’insegna dell’instabilità sulla nostra regione, con inizialmente la quota neve oltre i 600 m. Meglio tra Martedì e Mercoledì, ove ci sarà anche un aumento termico di qualche grado. Ma da Giovedì, torneranno le piogge anche forti in serata nelle aree interne, con la quota neve oltre i 1500 m per i venti sud occidentali. L’instabilità appare continuare fino al week end in un contesto più freddo.