News Meteo

Ancora fenomeni al centro sud, poi più freddo a seguire

by Thomas Di Fiore

Le previsioni meteo dall'11 al 17 Gennaio 2021.

  

 

Siamo in una fase di tempo diffusamente instabile al centro ed al sud. Qualche nevicata è caduta sul centro nord nelle ultime ore, mentre le temperature sono aumentate con valori massimi al sud, tant’è che a Barcellona pozzo di gotto in Sicilia, si sono registrati 30°c di massima, causa soprattutto ai venti di scirocco, ma di caduta. Ancora dell’instabilità con nevicate a basse quote nei prossimi 2 giorni al centro ed al sud, poi torneranno delle condizioni di tempo stabile e bello un po' ovunque tra Mercoledì e Giovedì, ma con i venti da nord est, quindi temperature in calo da Venerdì. Poi, a seguire, ma è ancora da verificare, potranno tornare dei fenomeni ad iniziare dalle regioni settentrionali, nevose fino a basse, tra nord e centro, parzialmente al sud. Ma vediamo giorno per giorno la possibile tendenza.

Lunedì 11, tempo discreto al nord e lungo la fascia tirrenica, più chiuso sulle Marche, Abruzzo e tutto il sud. Possibilità di qualche nevicata a quote basse sull’appennino centrale e su quello meridionale oltre i 1300 m circa. Fenomeni al sud tra la Campania, Calabria e nord Sicilia. Possibilità di piogge e nevicate in montagna sulla Sardegna. Temperature in calo al centro ed anche in parte al meridione. Ventilazione da est nord est.

Martedì, possibilità di nevicate sui confini alpini, meglio sul versante italiano, qualche fenomeno al mattino tra l’Abruzzo ed il Molise, nevose fino a bassa quota. Disturbi a carattere di rovesci sparsi invece sul meridione. Temperature in lieve aumento al nord ma con valori sui -2°c ad 850 hpa, situazione non molto diversa nelle aree appenniniche settentrionali e centrali, sugli 0°c al sud. Venti generalmente da nord.

Mercoledì, nuvole al nord ovest e sui confini alpini, appennino settentrionale, Sardegna e meridione. Qualche debole pioggia sulla Sardegna. Temperature in aumento su gran parte del nord e regioni centrali tirreniche in particolare. Stazionarie altrove. Venti nord occidentali quasi ovunque.

Giovedì, precipitazioni nevose sui settori di confine, lungo l’arco alpino, qualche pioggia sulla Calabria tirrenica. Temperature in calo dal pomeriggio dal nord est, verso i versanti adriatici. Altrove pressochè stazionarie. Venti in rotazione dai quadranti orientali.

Venerdì, al momento potranno essere possibili dei fenomeni ad iniziare dalle regioni settentrionali, per l’arrivo appunto di aria più fredda dai quadranti orientali, che si estenderanno su quelle centrali e meridionali nelle successive ore. Saranno possibili delle nevicate fino a quote piuttosto basse, collinari appunto , specie sui versanti adriatici. Venti moderati dai quadranti orientali, temperature in diminuzione.

Sabato, cielo poco nuvoloso sulle regioni del nord, situazione non molto diversa sulle tirreniche fino all’altezza del Lazio. Nubi tra sud Marche, Abruzzo, Molise, con la possibilità di qualche nevicata fino a bassa quota. Tempo instabile anche sulle regioni meridionali, anche qui con la neve che potrà scendere a quote medio basse. Venti da nord est, moderati con dei locali rinforzi, temperature in calo con valori anche sui -8°c ad 850 hpa sul versante adriatico.

Infine Domenica, che anch’essa appare una giornata ove potrà esserci qualche fenomeno da stau lungo le regioni adriatiche ed al sud, nevose a quote molto basse. Meglio sulle restanti zone, temperature in calo ancora sul resto del nord ed al sud, con valori sempre intorno ai -8°c alla quota di circa 1450 m in libera atmosfera. Venti sempre da grecale, moderati.

 

In Abruzzo.

Ancora dei fenomeni sparsi, nevose fino a quote medio basse Lunedì ed in qualche caso, Martedì. Meglio Mercoledì e Giovedì, con cielo poco nuvoloso, mentre da Venerdì a Domenica, potrà formarsi una circolazione ciclonica sul centro sud con aria decisamente più fredda ove non saranno escluse delle nevicate anche in collina. Venti generalmente da est nord est, temperature in sensibile calo nel week end.

La fase instabile continua, con piogge e nevicate anche a quote medio basse

by Thomas Di Fiore

Le previsioni meteo dal 4 al 10 Gennaio 2021.

  

 

Il periodo instabile su molte aree italiane con piogge e nevicate fino a basse quote in alcuni casi, continuerà, in quanto la nostra penisola rimarrà sotto una depressione la quale darà luogo a tempo nuvoloso e con delle precipitazioni, in alcuni casi abbondanti.

Pertanto, Lunedì 4, al mattino, nubi un po' ovunque, con delle aperture sui versanti adriatici. Più chiuso con dei fenomeni su quello tirrenico, ed al nord, dove dei fenomeni non saranno esclusi a macchia di leopardo. Nevicate oltre i 600 m al nord e possibilmente più in basso, intorno ai 900 m al centro, 1300 m al sud. Temperature in calo tra centro e sud, ventilazione quasi dappertutto dai quadranti occidentali.

Martedì, una perturbazione ben organizzata, già dal mattino apporterà dei fenomeni tra la Liguria e la Calabria, coinvolgendo le due isole maggiori, con piogge e nevicate a quote intorno agli 800 m tra l’appennino settentrionale e quello centrale, più elevato su quello meridionale. In serata le precipitazioni si estenderanno anche sui versanti adriatici. Ventilazione da nord est sulle regioni settentrionali, da ovest lungo la fascia peninsulare. Temperature in leggera diminuzione sulle regioni meridionali.

Mercoledì, giorno dell’Epifania, nuvole presenti al nord est in particolare e sui versanti tirrenici con dei fenomeni sul Triveneto e lungo le aree appenniniche con delle nevicate fino a quote intorno ai 700 m e localmente anche più in basso. Venti generalmente da ovest-nord ovest, temperature in calo al sud, valori tra i -2°c delle regioni settentrionali ad 1°c del sud.

Giovedì, occasioni per qualche disturbo soprattutto sulla Campania occidentale. Altrove schiarite ed addensamenti ma con scarse possibilità di fenomeni. Temperature senza variazioni di rilievo, venti da sud sud ovest.

Venerdì, al momento appaiono possibili delle precipitazioni a carattere moderato sul centro e sul sud, nevose oltre i 700 m , o un pochino più elevate al meridione. Fenomeni anche sulle Marche e Romagna. Sulle restanti zone tempo discreto, con addensamenti più a carattere sparso. Temperature in sensibile aumento al sud, di alcuni gradi, stazionarie altrove; ventilazione da nord est sul centro nord, da sud sud ovest, al centro sud.

Sabato, tempo poco nuvoloso al nord ovest, più nubi sul nord est, fenomeni diffusi dalle Marche in giù, con nevicate sui rilievi oltre i 600 m, specie ad est. Al sud tempo molto instabile con piogge. Temperature in calo sul versante adriatico, stazionarie sulle restanti zone, venti in genere dai quadranti orientali.

Domenica, infine, appare una giornata discreta sulle regioni settentrionali, mentre instabile con forti precipitazioni al centro ed al sud. Quota neve in salita fino circa i 1800 m sull’appennino centrale, per le correnti miti meridionali. Venti da est sud est, temperature in aumento soprattutto come già detto al centro.

 

In Abruzzo.

Abbondanti nevicate sui nostri monti hanno inaugurato questo 2021. E ne avremo ancora a quanto sembra, anche nei prossimi giorni, a quote intorno ai 700 m circa, per i venti occidentali, ma alquanto freschi e carichi di umidità. Verso il week end invece, al momento sembra delinearsi un peggioramento con delle correnti orientali, le quali apporteranno piogge in qualche caso forti e nevicate dapprima fino in basso e poi nella Domenica, a salire di quota. Teniamo conto, che la situazione è molto dinamica e per cui molti fattori, specie quelli legati alla termicità potranno anche cambiare o verso temperature più miti o appunto più fredde.

Instabilità con pioggia, neve e vento.

by Thomas Di Fiore

  

 

In questi ultimi giorni del 2020, la situazione meteo appare davvero orientata su condizioni d’instabilità un po' ovunque. Dapprima assisteremo a delle nevicate copiose sulle regioni settentrionali, molto vento invece lungo la fascia peninsulare con altresì delle precipitazioni in alcuni casi forti. Poi, nel corso della settimana, situazioni d’instabilità non mancheranno da nessuna parte. Anzi nel week end, oramai nell’anno nuovo, le condizioni sembrano di nuovo più accentuate sotto l’aspetto dell’instabilità con precipitazioni, anche nevose oltre i 1000 m tra centro e sud.

Dunque, Lunedì 28 Dicembre, al mattino, con la depressione atlantica posizionata sulla Gran Bretagna di circa 975 mb, gli effetti sull’Italia saranno di copiose nevicate come già accennato su quasi tutto il nord, specie Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Trentino, Veneto e Friuli. Tendenza a delle schiarite verso occidente. Piogge in estensione tra la Toscana, Lazio, Campania, verso levante. Qui il fattore insidioso sarà rappresentato dal vento, in alcuni casi molto forti, specie tra Abruzzo e Puglia settentrionale. Nevicate oltre i 1400 m circa. Al sud nubi più presenti sui settori tirrenici, anche qui venti piuttosto vivaci da ovest sud ovest. Temperature in aumento, verso sera in calo di nuovo di un paio di gradi al centro. Stazionarie altrove.

Martedì, depressione ancora ben presente anche sull’Italia, la quale recherà del tempo instabile tra la Lombardia, Triveneto con nevicate fino a quote pianeggianti. Instabilità anche lungo la fascia tirrenica, con piogge e nevicate oltre i 1300 m circa. Al sud piogge più probabili sulla Campania e Calabria. Venti occidentali moderati con dei locali rinforzi, temperature stazionarie al nord ed al centro con valori tra i -3 e gli 0°c ad 850 hpa, in leggero aumento sulle regioni meridionali.

Mercoledì, giornata tra variabile e nuvoloso un po' ovunque. Possibilità di fenomeni sparsi anche a carattere moderato sui confini francesi, con nevicate fino al piano, lungo le altre aree alpine, Toscana, fino alla Calabria, anche qui con nevicate oltre i 1200 m circa, un po' più elevate al sud. Molto instabile anche sulla Sardegna. Venti sempre dai quadranti occidentali, da direzione variabile al nord. Temperature in leggera flessione al sud.

Giovedì, 31 Dicembre, ultimo giorno dell’anno, sulle regioni settentrionali le condizioni appaiono buone, o alquanto discrete, ove non saranno da escludere dei fenomeni sparsi. Situazione più chiusa sui versanti tirrenici specie dell’appennino con delle piogge e qualche nevicata oltre i 1000 m circa. Un pochino migliore la situazione sul versante adriatico. Temperature in calo al centro ed al sud, ventilazione da ovest nord ovest, a parte le regioni settentrionali con direzione variabile.

Venerdì 1 Gennaio 2021, un avvio, meteorologicamente parlando, che appare abbastanza buono su tutto il territorio nazionale. Tuttavia un peggioramento sarà possibile verso sera su Liguria e Piemonte, con nevicate a bassa quota. Venti da direzione variabile al mattino, tendenti ad un rinforzo da sud sulla Liguria e la Sardegna. Temperature in calo al centro sud ( valori ad 850 hpa compresi tra i -4°c del nord ai 2°c del sud passando per i -1°c del centro.

Sabato, situazione che appare verso un nuovo peggioramento sempre sulla Liguria, Piemonte, Sardegna, in spostamento verso est. Peggiora verso sera al sud con piogge quasi ovunque moderate. Sulle restanti zone cielo poco nuvoloso al mattino, nuvoloso nelle ore a seguire. Temperature in leggero aumento sul versante tirrenico.

Infine eccoci a Domenica, che al momento appare con tempo diffusamente instabile sul medio adriatico e al sud. Nevicate oltre i 1000 m in Abruzzo, a quote intorno ai 1700 m sulle regioni meridionali. Meglio al nord. Venti da est sud est, temperature in calo al sud, stazionarie altrove.

 

In Abruzzo.

Dopo le prime nevicate su tutti i rilievi, Lunedì 28, sarà il vento a farla da padrone, con raffiche piuttosto forti su tutto il territorio regionale, specie sulla parte orientale. Piogge diffuse e nevicate oltre i 1400 m circa. Dopo di che, situazione ancora molto variabile con piogge sparse soprattutto sui versanti occidentali con piogge e nevicate fin sui 1000 m circa. Domenica 3 Gennaio, invece, sembra che i venti si potranno orientare da est sud est, con la possibilità di piogge e nevicate oltre i 1000 m.

 

Non mi resta che augurare un felice e sereno anno 2021

Ancora tempo anticiclonico su gran parte d’Italia, un cambiamento tra Natale e Santo Stefano.

by Thomas Di Fiore

Le previsioni meteo dal 21 al 27 Dicembre 2020.

  

 

Ci stiamo avviando verso il Santo Natale in un contesto di tempo stabile ed assolato quasi ovunque, con gelate e nebbie mattutine. Questa situazione continuerà ancora nei prossimi giorni almeno fino a Mercoledì, in quanto l’alta pressione verrà scalfita da delle correnti atlantiche, che ruoteranno da nord est, apportando un calo termico e delle precipitazioni, moderate soprattutto sui versanti del medio e basso adriatico nonché del sud, il giorno 26, con delle nevicate lungo questa fascia appenninica tra i 700 ed i 1000 m del sud. Pertanto, Lunedì al mattino, il cielo si presenterà poco nuvoloso quasi su tutta la penisola, con un aumento di quest’ultima sul nord ovest. Altrove cielo poco nuvoloso. Qualche debole fenomeno sulla Liguria,ma nulla di che. Ventilazione generalmente settentrionale, temperature stazionarie con valori tra i 2°c delle regioni settentrionali, ai 7°c della Sicilia ad 850 hpa.

Martedì, giornata bella su gran parte d’Italia, ove soltanto delle stratificazioni e qualche innocuo addensamento potrà trovare spazio nelle ore pomeridiane. Ventilazione non molto diversa dal giorno precedente, temperature in lieve calo lungo il versante adriatico.

Mercoledì, nuvolosità variabile sulle regioni settentrionali, ma con scarse possibilità di precipitazioni. Altrove tempo buono, ove soltanto qualche stratificazione sarà possibile, come lungo le regioni centrali. Temperature senza variazioni di rilievo, venti sulla falsariga dei giorni precedenti.

Giovedì, vigilia di Natale, qualcosa inizierà a cambiare, in quanto la depressione atlantica si porterà anche sulla nostra penisola con i venti occidentali. Saranno possibili delle piogge su buona parte del nord, con nevicate lungo alpi e prealpi oltre i 1200 m circa. Qualche pioggia sparsa tra Liguria, Toscana, Lazio e Campania, tra deboli e moderati. Sulle rimanenti zone cielo irregolarmente nuvoloso sulle centrali adriatiche, variabile al sud. Venti da ovest sud ovest, con possibilità di foehn lungo i versanti orientali, temperature stazionarie al settentrione, in aumento al centro ed al sud, specie ad oriente.

Venerdì, giorno di Natale, cielo tra nuvoloso e variabile un po' ovunque con dei fenomeni a carattere sparso lungo i rilievi del nord est con nevicate intorno ai 700 m, e quelli appenninici, con dei fiocchi oltre i 1300 m. Venti da ovest nord ovest quasi ovunque, tra moderati e forti lungo la fascia peninsulare, temperature in calo al nord ed al centro, stazionarie al meridione.

Sabato, giorno di Santo Stefano, buono al nord e lungo il versante tirrenico, nubi dalle Marche in giù, con nevicate fin sui 500 m sull’appennino centrale, specie versanti orientali. Tempo instabile anche sulle regioni meridionali, con neve oltre gli 800/1000 m circa. Temperature in calo dappertutto, soprattutto versanti adriatici con valori intorno ai -4°c ad 850hpa. Venti da est sulle regioni settentrionali, moderati, anche forti dalle Marche in giù, specie tra Abruzzo e Molise.

Domenica, infine, tempo in miglioramento anche al centro ed al sud, qualche addensamento sparso lungo la penisola con qualche fenomeno, nevoso a bassa quota tra la Liguria e la Toscana. Gelate notturne estese, temperature in calo al sud, con valori ovunque sugli 0°c ad 850 hpa, venti da direzione generalmente variabile.

 

In Abruzzo.

In questa settimana natalizia, le condizioni meteo saranno buone fino a Giovedì compreso, con cielo poco nuvoloso ed estese gelate al mattino. La tendenza poi, nel giorno di Natale, vedrà della nuvolosità in aumento con qualche fenomeno ad ovest, con neve oltre i 1300 m circa, nel pomeriggio. Durante la notte e la giornata successiva di Santo Stefano, invece le correnti ruoteranno da nord est, con precipitazioni moderate, nevose fin sui 500 m circa. Venti in rinforzo da grecale, temperature in calo. Meglio Domenica, giornata abbastanza fredda.

Faccio i miei migliori auguri per un Santo e Sereno Natale a Tutti.

Tornano condizioni anticicloniche su tutta la penisola.

by Thomas Di Fiore

  

Le previsioni meteo dal 14 al 20 Dicembre 2020.

Ci stiamo avviando verso una fase di tempo piuttosto stabile a parte qualche addensamento di passaggio che ci sarà lungo la penisola, ma nulla di rilevante. Anche la colonnina di mercurio tenderà a salire di vari gradi, rendendo le ore centrali della giornata piacevoli per il periodo in essere. Forse, durante il week end, invece, potranno tornare dei fenomeni sulle regioni settentrionali, ma vediamo l’evoluzione della situazione giorno per giorno.

Lunedì 14, al mattino, condizioni di tempo stabile con cielo poco nuvoloso su tutta l’Italia. Tendenza a della nuvolosità irregolare sui settori nord occidentali, ma senza fenomeni. Temperature in aumento, specie al nord ovest e versante tirrenico. Venti da direzione variabile al settentrione, da nord est lungo la fascia peninsulare.

Martedì, nubi sul nord ovest, Toscana. Altrove cielo poco nuvoloso con qualche addensamento, ma nulla più. Ventilazione debole da ovest sud ovest sui versanti tirrenici, da est su quelli adriatici. Temperature in leggero aumento nei valori massimi, stazionarie in quelle minime ( +4/5°c ad 850 hpa, al sud anche intorno ai + 9°c).

Mercoledì, alta pressione abbastanza ben strutturata sull’Italia, cielo poco nuvoloso con qualche addensamento al nord, associata a deboli fenomeni sparsi sulla Liguria centrale e sul Carso triestino. Buono al centro, qualche stratificazione di passaggio al sud. Temperature senza variazioni di rilievo rispetto al giorno prima, come anche i venti.

Giovedì, nulla di diverso, in quanto l’ anticiclone continuerà a garantire tempo stabile a parte qualche addensamento di passaggio. Scarse ovunque le possibilità di piogge. Venti come il giorno prima, temperature stazionarie o in leggero calo al centro nord.

Venerdì, della variabilità sul nord ovest, versanti tirrenici. Qualche pioggia durante il pomeriggio sarà possibile sulla Liguria. Altrove tempo discreto. Venti da direzione variabile al nord, da est sud est lungo la penisola. Temperature in calo di qualche grado al centro ed al sud, sia nei valori massimi che nelle minime.

Sabato, qualche precipitazione potrà iniziare ad affacciarsi oltre che sulla Liguria, anche sulla Sicilia e Calabria Ionica, oltre che a tratti sulla Sardegna, Sulle rimanenti zone, nuvolosità irregolare . Temperature in calo al nord, specie nord est con valori sugli 0°c ad 850 hpa. Venti generalmente orientali.

Domenica, al momento appare che l’alta pressione lasci spazio a delle correnti da libeccio, legate alla depressione atlantica, la quale apporterà dei fenomeni moderati sul nord e sulla Toscana. Nevicate lungo l’arco alpino oltre i 1000 m circa. Sulle altre regioni tempo discreto con addensamenti al centro, meglio al sud. Piogge anche sulla Sardegna. Temperature in lieve calo un po' ovunque, a parte la possibilità di foehn lungo la fascia adriatica. Venti da sud sud ovest, moderati con qualche rinforzo.

 

In Abruzzo.

Avremo delle belle giornate, ove tuttavia delle formazioni nebbiose nelle conche non mancheranno, così come anche delle gelate notturne. Poche nubi per il resto, con venti generalmente dai quadranti orientali deboli, temperature in aumento.

Ancora condizioni perturbate tra nord e sud con piogge e nevicate.

by Thomas Di Fiore

  

Le previsioni meteo dal 7 al 13 Dicembre 2020.

Un tempo, quello di questi giorni, che ha apportato nevicate abbondanti lungo l’arco alpino e piogge altrettanto forti sul resto della penisola, con fiumi ingrossati. E la situazione a quanto pare non cambierà decisamente di molto nei prossimi giorni. Infatti, soprattutto Martedì, giornata dell’Immacolata Concezione, un altra perturbazione riporterà tempo diffusamente instabile al nord ed al centro,con piogge e nevicate. Poi le condizioni rimarranno orientate verso un tempo tuttavia dinamico con fenomeni spesso presenti su molte aree italiane.

Lunedì 7, Italia sempre sotto una struttura depressionaria, la quale recherà dei fenomeni a carattere moderato lungo le zone alpine ed anche tirreniche. Neve sulle alpi oltre gli 800 m circa e localmente più in basso. Piogge moderate lungo le zone tirreniche, con qualche nevicata oltre i 1300 lungo l’appennino centrale. Fenomeni a carattere sparso al sud. Condizioni migliori lungo le zone adriatiche. Venti da ovest sud ovest, con dei rinforzi sulla Sardegna. Temperature in calo al nord e parte del centro.

Martedì 8, festività dell’Immacolata Concezione, la depressione sull’Italia andrà approfondendosi, con dei fenomeni tra moderati e forti su nord e centro. Nevicate sulle alpi oltre i 1000 m circa, sui 1500 m sull’appennino, soprattutto centrale. Piogge anche sulla Sardegna, a carattere sparso al sud. Venti tra moderati e forti da sud ovest, temperature in aumento di qualche grado in parte al nord e tra centro e sud.

Mercoledì, il nucleo depressionario sarà ancora presente sulla nostra penisola. Tuttavia dei fenomeni moderati non mancheranno soprattutto sul Triveneto, ed a carattere sparso lungo la fascia peninsulare. Temperature in calo al nord e sulla Sardegna, in particolare. Venti generalmente occidentali anche se sulle regioni settentrionali saranno da direzione variabile.

Giovedì, discreto al nord ove soltanto della nuvolosità variabile sarà presente. Precipitazioni a carattere di rovescio, invece troveranno spazio lungo le aree costiere tra Toscana, Lazio, Campania, Calabria e Sicilia settentrionale. Qualche rovescio anche sulle coste adriatiche tra Marche, Abruzzo, Molise e Puglia. Piogge anche sulla Sardegna con qualche nevicata sul Gennargentu. Altrove solo della nuvolosità irregolare. Temperature in calo tra centro e sud con valori tra gli 0°c e i 2°c ad 850 hpa. Ventilazione non moto diversa dal giorno precedente.

Venerdì, buono al nord, precipitazioni invece che insistono sempre a carattere sparso su Lazio meridionale, Campania, Calabria e la Sicilia. Qualche nevicata oltre i 1000 m tra Abruzzo e Molise, a quote un po' più elevate sull’appennino meridionale. Temperature in calo al centro di un paio di gradi, venti da direzione variabile un po' ovunque per la struttura depressionaria un pochino particolare nella sua forma.

Sabato, qualche pioggia sparsa lungo la fascia peninsulare, ma le condizioni meteo andranno verso un miglioramento. Al nord tempo abbastanza stabile. Venti da direzione variabili al nord, da nord est altrove. Temperature in leggero aumento al centro, valori tra nord e sud tra gli 0 e i 2°c ad 850 hpa.

Infine Domenica, che al momento sarà un pochino fredda al nord e lungo le adriatiche, ma con un tempo discreto.Qualche sporadico fenomeno, sparso lungo la penisola, ma nulla di rilevante. Venti sempre orientali, temperature in calo lungo l’adriatico.

 

In Abruzzo.

Dopo le forti piogge delle scorse ore, un altra perturbazione è in arrivo per Martedì, con delle precipitazioni di nuovo tra moderati e forti, più che altro sui settori interni. Meglio lungo le coste. La settimana poi, continuerà con tempo spesso nuvoloso con qualche pioggia e qualche nevicata oltre i 1200 m circa, occasionalmente più in basso. Temperature Martedì mattina in aumento, poi, da Mercoledì in calo, piuttosto frizzante il fine settimana. Venti sud occidentali, da nord est Sabato e Domenica.

Settimana piuttosto instabile con piogge e nevicate in quota.

by Thomas Di Fiore

  

 Le previsioni meteo dal 30 Novembre al 6 Dicembre 2020.

Stiamo per entrare nell’inverno meteorologico, che inizierà appunto il 1 Dicembre. La situazione appare orientata verso l’instabilità, con la nostra penisola che sarà intanto sede di un nuovo minimo depressionario nei giorni tra Martedì e Mercoledì, poi a quanto pare, una parte del vortice polare sembra che vorrà abbassarsi verso Francia e penisola Iberica, facendo ruotare le correnti da sud ovest su gran parte del nostro territorio italiano.

Lunedì 30 Novembre, cielo poco nuvoloso sulle regioni settentrionali, ove saranno presenti delle formazioni nebbiose al mattino nelle vallate. Al centro, bello sul versante tirrenico, della nuvolosità da stau sulle regioni orientali, al sud ancora qualche fenomeno su bassa Calabria, Sicilia.

Martedì, 1 Dicembre, precipitazioni sui versanti di confine alpini francesi e svizzeri, con nevicate oltre i 700 m, localmente più in basso. Sul resto del nord variabilità ma con scarse occasioni precipitative. Al centro, nubi in aumento da ovest su Lazio, Toscana, in estensione verso est. Possibilità di piogge sulle aree citate e qualche nevicata oltre i 1400 m circa. Al sud tempo migliore. Venti per lo più sud occidentali, anche forti sulla Sardegna, temperature in calo al nord e parte delle regioni centrali.

Mercoledì, potrà essere presente un minimo depressionario sulla nostra penisola, che manterrà molto instabile le condizioni meteo soprattutto sulla fascia peninsulare centrale, con piogge tra moderate e forti, specie in serata. Occasioni per delle nevicate oltre i 1300 m circa, con quota un po' in calo dalla serata. Piogge, anche se a carattere più sparse interesseranno le regioni meridionali. Temperature stazionarie, un po' in calo al centro dalla serata; venti da sud sud ovest.

Giovedì, discreto sulle regioni del nord, sempre piuttosto instabile al centro e soprattutto al sud con piogge in alcuni casi di forte intensità. Temperature senza grandi variazioni di rilievo con valori ad 850 hpa sui 0°c al nord, 3°c al centro, 4/5°c al sud. Venti sempre da sud sud ovest.

Venerdì, con la possibile discesa della grande depressione atlantica verso Francia e Spagna, la quale sarà foriera di precipitazioni diffuse sulle regioni del nord e tirreniche. Altrove un po' meglio, più che altro potranno trovare spazio delle folate di vento di caduta verso l’adriatico. Situazione discreta sulle regioni meridionali, a parte la Calabria occidentale che sarà esposta a dei fenomeni. Venti da sud ovest, forti sulla Sardegna, ma piuttosto vivaci anche altrove, possibilità di foehn lungo l’adriatico. Temperature stazionarie.

Sabato, diffuso maltempo al nord, specie Friuli Venezia Giulia, piogge moderate su tutto il centro. Precipitazioni sparse al sud. Nevicate oltre i 700 m circa sulle regioni settentrionali. Venti come il giorno precedente, temperature in aumento soprattutto centro e sud di alcuni gradi.

Domenica, al momento, lo stesso una giornata sotto tempo instabile su gran parte del territorio italiano, nevicate sui rilievi oltre i 700 m al nord, 1000 m lungo l’appennino settentrionale e centrale. Venti occidentali, temperature in calo.

 

In Abruzzo.

La settimana sarà a quanto pare molto instabile, con piogge e nevicate con la quota spesso intorno ai 1300 m circa. Insomma una settimana dal sapore tardo autunnale, ventilazione soprattutto dai quadranti sud occidentali, temperature non tanto basse, ma tuttavia fresche. 

Dettagli Modello WRF

by Samuele Giampietro

Il modello WRF-ARW, disponibile sulla piattaforma Weather Information Abruzzo, è prodotto da Samuele Giampietro, appassionato di meteorologia e studente del corso di Laurea Triennale in Fisica - Curriculum FAM (Fisica dell'Atmosfera e Meteorologia) - presso la Facoltà di Scienze MM.FF.NN. dell'Università di Tor Vergata (Roma). Il progetto WRF, avviato a fine novembre 2018, oltre ad essere continuamente sottoposto a test e ad essere  ottimizzato sia per le regioni di Abruzzo e Molise, sia per l'intero territorio nazionale, è altresì oggetto di ricerca e sviluppo.

 Sul portale sono disponibili il WRF-ARW LAM (Modello ad area Limitata) a risoluzione 2km con dominio centrato sull'Abruzzo e il WRF-ARW LAM a risoluzione 6km con dominio centrato sull'Italia.

Entrambi i modelli hanno step orari (1hr) e calcolano l'evoluzione fino a coprire un range di 48h. La scelta di impostare questo "limite" è data dalla seguente motivazione: l'hardware a disposizione non è sufficiente per un'elaborazione oltre le 48h.

Avendo a disposizione due computer fisici che effettuano l'uno l'elaborazione del dominio Abruzzo-Molise, l'altro l'elaborazione del dominio Italia, entrambi ad ogni modo presentano parametri simili, che vengono qui sotto riportati:

  • WPS 4.1 e WRF 4.1.5
  • Risoluzione orizzontale e domini:
    - 2km Abruzzo/Molise
    - 6km Italia
  • Livelli Verticali: 40
  • TimeStep:
    - 12 secondi Abruzzo/Molise
    - 36 secondi Italia
  • Risoluzione dati geografici: 30 secondi d'arco
  • Dati di contorno: GFS 0.25°
  • Numero di Elaborazioni al giorno: 2
    - 00z
    - 12z
  • Tempi di Elaborazione stimati:
    - WRF Abruzzo/Molise: Da 80 minuti fino ad un massimo di 150 minuti.
    - WRF Italia: Da 150 minuti fino ad un massimo di 300 minuti.
    N.B. Come detto in calce, essendo computer non aventi elevate componenti hardware, il calcolo richiede diverso tempo soprattutto in situazioni meteorologiche di rilievo (perturbazioni etc.)
  • Elaborazione da 48h a scansione oraria.
  • Microfisica:
    - Goddard (stagione invernale)
       {Viene impiegata, solitamente, da fine ottobre fino a metà aprile}
    - Milbrandt (stagione estiva)
       {Viene impiegata, solitamente, da metà aprile fino a fine ottobre}
  • Radiazioni ad Onda Lunga: Schema RRTM
  • Radiazioni ad Onda Corta: Schema Dudhia
  • Opzione Strato Superficiale: Schema MMS Monin-Obukhov rivisitato
  • Opzione Superficie Terrestre: Schema Noah
  • Cumulus Option: Schema Kain-Fritsch
  • Post-Elaborazione grafica: NCL-NCAR 6.6.2

L'uscita dei modelli avviene nei seguenti orari:

WRF-ARW 2km Abruzzo:

  • 00z (Tra le 7:30 e le 8:30) [Aggiungere +1hr quando è in vigore l'ora legale]
  • 12z (Tra le 19:30 e le 20:30) [Aggiungere +1hr quando è in vigore l'ora legale]

WRF-ARW 6km Italia:

  • 00z (Tra le 9:30 e le 11:30) [Aggiungere +1hr quando è in vigore l'ora legale]
  • 12z (Tra le 21:30 e le 23:30) [Aggiungere +1hr quando è in vigore l'ora legale]

 

Per qualsiasi info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.