News Meteo

Settimana all’insegna del tempo instabile e con il ritorno di clima freddo.

by Thomas Di Fiore

Le previsioni meteo dal 12 al 18 Aprile 2021.

  

[Previsioni a cura di Thomas Di Fiore dell'Associazione AQ Caput Frigoris].

Le condizioni meteo che vanno profilandosi per questa settimana, appaiono orientate su tempo instabile, con piogge su molte aree italiane e soprattutto un nuovo ritorno di fredde correnti dai quadranti orientali, che torneranno a far abbassare la quota neve fin sugli 800 m e localmente più in basso sui versanti adriatici. A seguire invece, verso il fine settimana, le correnti potranno ruotare da scirocco, associati ad altri fenomeni.

Lunedì 12, al mattino piogge diffuse al nord un po' ovunque. A tratti su molte aree del centro, specie sul versante tirrenico, in estensione tra il pomeriggio e la sera su quello adriatico. Meglio al sud. Temperature in diminuzione al nord e parte del centro, ventilazione da ovest sud ovest, anche scirocco lungo l’adriatico.

Martedì, piogge, più presenti sul Triveneto, versante adriatico, Lazio, Calabria occidentale. Neve oltre i 700 m sul nord est, intorno ai 1100 m nel corso del pomeriggio sulle regioni centrali orientali. Venti ancora dai quadranti occidentali, più variabili al nord, ma con l’ingresso di quelle più fredde da nord est su Friuli, Veneto, Romagna e via dicendo, tra sera e notte. Temperature in calo con valori intorno agli 0°c ad 850 hpa sul nord e parte del centro, anche -2°c. Ma la colonnina di mercurio sarà in discesa anche al sud.

Mercoledì, giornata piuttosto fredda, con qualche fenomeno sparso lungo la penisola, nevosa a quote basse sulle centrali adriatiche. Venti da nord est, moderati con dei rinforzi al centro e parte del sud. Temperature in diminuzione al centro sud.

Giovedì, ancora occasioni per delle piogge e delle nevicate sui rilievi sulle regioni settentrionali e su quelle centrali, Nuvolosità irregolare al sud. Temperature in ripresa nei valori massimi, stazionarie per quelle minime. Ventilazione dai quadranti orientali.

Venerdì, una poderosa struttura depressionaria di stampo afro mediterranea, tenderà a rinforzarsi, facendo arrivare delle correnti da sud est su buona parte della penisola. Piogge sul nord ovest, ma soprattutto sulla Sardegna, alcune aree della Sicilia, Calabria, in estensione verso buona parte della penisola. Venti quindi sempre orientali, ancora freddo tra il nord e le centrali adriatiche, temperature in lieve rialzo sulle regioni meridionali.

Sabato, tempo diffusamente instabile sulle regioni centrali, con piogge e nevicate oltre i 1400 m circa. Tendenza ad attenuazione dei fenomeni dal primo pomeriggio. Qualche debole precipitazione al nord ovest per stau, piogge anche sulla Sardegna e alcune aree tra Calabria, Lucania e Sicilia. Venti da sud sud est, temperature stazionarie al nord, in leggero aumento al centro ed al meridione.

Domenica infine, ancora delle occasioni per dell’instabilità sulle regioni settentrionali con piogge e nevicate oltre i 1200 m circa su alpi e prealpi. Meglio lungo la fascia peninsulare ove tuttavia qualche debole rovescio a macchia di leopardo non sarà da escludere. Temperature senza grosse variazioni di rilievo. Venti generalmente da nord est.

In Abruzzo.

Le condizioni, pertanto come già fatto notare poco fa, torneranno su un tipo di tempo freddo con di nuovo la comparsa di nevicate a quote medie, intorno agli 800 m circa tra Martedì sera e Mercoledì. La situazione si manterrà sempre instabile fino al week end quando più quando meno, con rovesci, soprattutto Sabato. Venti inizialmente da ovest, ruoteranno da nord est.

Freddo con piogge e nevicate al centro sud, da Giovedì anticiclone in rinforzo.

by Thomas Di Fiore

Le previsioni meteo dal 6 all'11 Aprile 2021.

  

[Previsioni a cura di Thomas Di Fiore dell'Associazione AQ Caput Frigoris].

Le feste pasquali sono passate, con un tempo tutto sommato non malaccio, ma tuttavia un pochino freddo, specie sul versante adriatico. C’è subito da dire, infatti, che le condizioni di tempo instabile e freddo, torneranno sul medio e basso adriatico, anche se la colonnina di mercurio scenderà un po' ovunque, tra Martedì e Mercoledì, con dei rovesci, sempre ad oriente, nevosi fin sulle quote basse. Da Giovedì invece, l’alta pressione da ovest, sarà di nuovo in rinforzo la quale garantirà tempo bello e soleggiato su buona parte della penisola.

Pertanto, Martedì 6, la grossa saccatura nord atlantica, avrà raggiunto la nostra penisola, con della nuvolosità sui versanti di confine con la Francia, nevose fino in basso. Nuvole più compatte sul Triveneto, Emilia, Toscana, Umbria e Lazio, con qualche fenomeno, più accentuato sul Friuli. Estensione delle precipitazioni anche su parte delle regioni orientali nel pomeriggio e su alcune aree del sud. In serata fenomeni più decisi e presenti su Romagna, Marche, Abruzzo, Molise e nord Puglia, con dei rovesci, che saranno nevosi oltre i 1000 m, ma in calo nella notte intorno ai 700 m, localmente più in basso. Venti al mattino da ovest, in rotazione da nord est ed in rinforzo su alto e medio adriatico. Temperature in diminuzione soprattutto sul Triveneto ed a seguire Marche, Abruzzo.

Mercoledì 6, situazione abbastanza buona al nord e sul versante tirrenico. Più nubi dalle Marche in giù con dei rovesci a carattere sparso, che potranno assumere carattere nevoso oltre i 5/600 m, specie sui versanti esposti a stau orientale. Al sud qualche precipitazione, nevosa oltre i 700 m circa, tra Lucania, Sila. Temperature in calo con valori sui -2°c al nord, -4°c sulle centrali adriatiche, intorno a 0/1°c al sud ad 850 hpa, ma in calo nella serata, venti da direzione variabile sul nord ovest, da nord est, con dei rinforzi dal Friuli in giù.

Giovedì, ancora una giornata non del tutto mite, anche se il campo anticiclonico andrà rinforzandosi. Bello al nord, qualche addensamento al centro ed al sud, ma davvero scarse le possibilità di precipitazioni. Temperature in ripresa, specie nei valori massimi, ma come ripeto ancora piuttosto fresco di giorno e freddo di notte, con la possibilità di gelate notturne fino in basso, specie lungo le aree interne dei rilievi del centro nord. Ventilazione da direzione variabile, da nord est sulla fascia adriatica.

Venerdì, qualche annuvolamento sulla Liguria, Toscana, ma nulla di che. Giornata sostanzialmente buona su tutta Italia. Temperature in aumento di un paio di gradi dappertutto, specie al sud, venti da ovest sui versanti tirrenici, da est su quelli adriatici di debole entità.

Sabato, in arrivo sul nord ovest, piogge a carattere moderato, in estensione su tutta la Toscana. Meglio ad est e tra le centrali adriatiche ed il sud. Temperature in aumento su gran parte della penisola, soprattutto al centro sud, ventilazione dai quadranti meridionali.

Infine uno sguardo a Domenica, che appare con piogge su buona parte del settentrione, mentre dalla Toscana meridionale in giù sarà presente della nuvolosità irregolare, sulle regioni meridionali, alta e stratificata. Temperature in sensibile aumento al centro ed al sud con valori sui 10°c ad 850 hpa, qualcosa in meno al nord, venti meridionali.

 

In Abruzzo.

Avremo, come si è già capito, l’arrivo dei venti artici, che apporteranno un guasto da Martedì primo pomeriggio con dei fenomeni inizialmente ad ovest, mentre dalla serata i venti ruoteranno da nord est, le quali daranno luogo a piogge a carattere di rovescio ed anche delle nevicate che nella nottata potranno scendere fin sui 700 m circa. Ancora tempo diffusamente instabile nel successivo giorno di Mercoledì, ove qualche fiocco di neve potrà farsi vedere al di sopra dei 500 m circa. Venti in rinforzo dai quadranti nord orientali, temperature in sensibile calo. Da Giovedì, tempo in miglioramento, più mite da Venerdì per i venti che pian piano ruoteranno da sud.

Bel tempo soleggiato a parte qualche nube di passaggio, da Sabato un possibile cambiamento.

by Thomas Di Fiore

Le previsioni meteo dal 29 Marzo al 5 Aprile 2021.

  

[Previsioni a cura di Thomas Di Fiore dell'Associazione AQ Caput Frigoris].

In questa settimana Santa del 2021, che vedrà anche il passaggio tra il mese di Marzo ad Aprile, le condizioni meteo appaiono decisamente buone, con cielo poco nuvoloso salvo qualche addensamento nelle ore pomeridiane. E questo almeno fino a Sabato Santo. A seguire, ma tuttavia mancano dei giorni, potremmo assistere ad un nuovo guasto delle condizioni meteo, con oltretutto un possibile calo delle temperature e dei fenomeni a carattere di rovescio.

Intanto, Lunedì Santo 29 Marzo, giornata pressochè buona su tutto il territorio nazionale. Dei passaggi nuvolosi saranno possibili nel corso del pomeriggio, ma davvero scarse le possibilità di precipitazioni. Venti da direzione variabile al nord, più dai quadranti nord orientali sulla fascia peninsulare, temperature in lieve aumento soprattutto sulle regioni settentrionali.

Martedì Santo, il cuore caldo dell’anticiclone si posizionerà su gran parte del nord, tempo bello su tutta la penisola. Qualche innocuo addensamento sempre nelle ore pomeridiane sul nord est e tra l’appennino centrale e meridionale, ventilazione dai quadranti orientali. Possibile qualche debole fenomeno in serata su Lucania.

Mercoledì Santo, non cambierà granchè, a parte della nuvolosità pomeridiana lungo le aree dell’appennino centrale e meridionale. Scarse o nulle le possibilità di precipitazioni, temperature sui valori del giorno precedente (+8°c ad 850 hpa al nord, tra i +5/+6°c tra le regioni centrali e meridionali), ventilazione sempre da est nord est un po' ovunque.

Giovedì Santo 1 Aprile, velature al nord, specie nel corso del pomeriggio, con rovesci tra alpi e prealpi. Addensamenti pomeridiani lungo la catena appenninica, con qualche fenomeno sparso ed a carattere di rovescio. Meglio sulle regioni meridionali. Temperature in leggero aumento al nord e su buona parte del centro, stazionarie al sud; ventilazione da ovest sud ovest sul versante tirrenico, da est su quello adriatico. Da direzione più variabile sulle regioni settentrionali.

Venerdì Santo, situazione stazionaria se vogliamo, con isolati fenomeni nel pomeriggio sul Triveneto e tra le aree intorno al sud Abruzzo, Molise, Irpinia. Nulla di rilevante sulle regioni meridionali. Venti di provenienza molto simile al giorno precedente, temperature in leggero aumento al centro sud.

Sabato Santo, qualcosa inizierà a cambiare, in quanto il cielo si mostrerà nuvoloso soprattutto tra nord e buona parte del centro, con fenomeni in estensione dal pomeriggio, a carattere moderato tra il Triveneto, Emilia, Marche, Abruzzo, Toscana ed Umbria. Discreto sulle regioni del sud. Ventilazione in rinforzo da sud ovest, specie sui versanti tirrenici, da nord est su Friuli e Veneto; temperature in diminuzione sulle regioni settentrionali, specie nord est. Stazionarie altrove.

Domenica 4 Aprile, Pasqua di Resurrezione, non sarà da escludere l’arrivo di correnti più fredde dai quadranti orientali, associati a delle piogge e qualche nevicata oltre i 1500 m sulle alpi nord orientali e sui 2000m circa sull’appennino settentrionale e centrale. Sulle restanti aree, quindi tirreniche e sud, nuvolosità variabile, ma con deboli ed occasionali rovesci prima di sera. Temperature in diminuzione specie tra il Triveneto, alto e medio adriatico, venti in rinforzo da est.

Una rapida occhiata al Lunedì dell’Angelo, 5 Aprile, la quale appare con tempo piuttosto freddo ed instabile soprattutto sul medio adriatico. Certamente mancano dei giorni e quindi cercheremo di vedere passo passo l’evoluzione.

 

In Abruzzo.

Belle giornate assolate, con qualche addensamento nel corso delle ore pomeridiane. Clima gradevole e venti generalmente da est. Da Sabato, tuttavia sempre molto probabile un guasto che andrà estendendosi lungo tutta la regione, ove seguirà molto probabilmente un calo delle temperature. Il giorno di Pasqua sembra orientato su tempo instabile come anche il Lunedì dell’Angelo. Ripeto da confermare nei prossimi giorni.

 

Non mi resta che augurare una Santa e Serena Pasqua a Tutti i miei affezionatissimi lettori.

Clima ancora freddo con qualche nevicata al centro sud, poi generale miglioramento ed aumento delle temperature.

by Thomas Di Fiore

Le previsioni meteo dal 22 al 28 Marzo 2021.

  

[Previsioni a cura di Thomas Di Fiore dell'Associazione AQ Caput Frigoris].

L’ondata di freddo che da giorni è presente lungo la nostra penisola, continuerà ancora per qualche giorno, poi, a quanto pare, le condizioni meteo torneranno stabili e soleggiati un po' ovunque, con la colonnina di mercurio in aumento. Nel fine settimana invece, non saranno da escludere dei fenomeni su gran parte dell’ Italia, ma in un contesto termico nei valori medi del periodo.

Lunedì 22, bello al nord, con diffuse gelate al mattino. Tempo stabile e soleggiato anche lungo il versante tirrenico, nuvolosità variabile dalle Marche in giù, con qualche debole rovescio a carattere nevoso fino a quote molto basse, anche sulle regioni meridionali. Temperature senza variazioni di rilievo, a parte lungo l’arco alpino, ove ci sarà un aumento di qualche grado. Ventilazione generalmente da nord est.

Martedì, giornata non molto differente dalla precedente, che tuttavia vedrà un aumento della colonnina di mercurio anche sulle alpi orientali. Freddo invece sulle centrali adriatiche, ove le temperature caleranno ancora un pochino. Quindi ancora possibilità di deboli fenomeni nevosi tra l’Abruzzo, il Molise e le regioni meridionali.

Mercoledì, anticiclone in rinforzo da ovest, bel tempo sempre al nord e sulle regioni tirreniche. Tempo stabile anche sul versante adriatico. Venti da sud ovest al nord, ancora nord orientali tra il centro ed il sud. Temperature stazionarie lungo l’arco alpino, in aumento sul resto del settentrione e su buona parte delle regioni centrali. Qualche addensamento ma con scarse possibilità di precipitazioni al sud.

Giovedì, cielo poco nuvoloso su tutta Italia. Solo delle stratificazioni di passaggio saranno presenti e nulla più. Temperature in aumento specie al centro sud, stazionarie altrove, venti da sud ovest su gran parte del nord e versante tirrenico, ancora nord orientali dalle Marche in giù.

Venerdì, qualcosa andrà cambiando, con dei fenomeni deboli che si affacceranno già dal mattino sulla Liguria e l’alta Toscana, in estensione verso l’Umbria, le Marche, nel corso del pomeriggio. Qualche pioggia anche lungo le aree prealpine. Sul resto della penisola, solo qualche stratificazione potrà essere presente. Temperature pressochè stazionarie ( valori tra nord e sud tra i 3/4°c ad 850 hpa). Ventilazione per lo più dai quadranti meridionali.

Sabato, al momento sembra che buona parte dello stivale sarà alle prese con della nuvolosità con al seguito, delle precipitazioni tra deboli e moderati. Tuttavia i fenomeni saranno già presenti dal mattino sulle regioni settentrionali, specie nord ovest. Ventilazione sempre da sud, temperature stazionarie, o in leggero aumento.

Infine Domenica, giornata con possibilità di deboli fenomeni sparsi sulle regioni del nord e del centro. Meglio sulle regioni meridionali. Temperature in lieve aumento lungo le aree centrali, ventilazione da est sud est sulle adriatiche, da sud tra i versanti tirrenici e buona parte del settentrione.

 

In Abruzzo.

Ancora clima freddo almeno fino a Martedì, prime ore di Mercoledì, ove non saranno escluse delle deboli nevicate a quote molto basse. Poi, già dal pomeriggio di Mercoledì, torneremo ad un aumento della colonnina di mercurio, oltre al tempo stabile. Buone le giornate di Giovedì e Venerdì, anche più calde, mentre dei rovesci potranno trovare spazio tra Sabato e Domenica, in un contesto non freddo ( +4/5°c ad 850 hpa).

Italia sotto l’instabilità per gran parte della settimana. Più freddo.

by Thomas Di Fiore

Le previsioni meteo dal 15 al 21 Marzo 2021.

  

[Previsioni a cura di Thomas Di Fiore dell'Associazione AQ Caput Frigoris].

Sabato 20 Marzo, alle ore 10:37, ci sarà l’equinozio di primavera. Per molti versi rimane la stagione della rinascita della natura con fiori e quant altro. C’è però da dire, che in questi giorni che ci traghetteranno definitivamente verso la bella stagione ( ricordiamo che quella meteorologica è entrata il 1 Marzo), appaiono con tempo decisamente instabile su buona parte della nostra penisola, con piogge e nevicate sui rilievi, specie del centro sud, anche a quote basse, per le correnti settentrionali, che appunto faranno diminuire le temperature.

Dunque, Lunedì 15, cielo poco nuvoloso al nord ovest, più chiuso sul Triveneto. Fenomeni a carattere nevoso sulle aree di confine. Nuvolosità dalle Marche in giù, con qualche rovescio e qualche nevicata oltre i 1000 m di quota. Discreto sul versante tirrenico. Venti da nord est, moderati con dei rinforzi tra il medio adriatico ed il sud.

Martedì, giornata piuttosto fredda, con le temperature in calo, molto vento su buona parte della penisola da Grecale. Qualche rovescio, con nevicate fino a quote collinari sul medio adriatico, un po' più elevate al sud.

Mercoledì, altra giornata non molto diversa dalla precedente, con precipitazioni più presenti tra Marche, Abruzzo e Molise, quota neve oltre i 700 m circa. A tratti sulle regioni meridionali, quindi a carattere sparso. Meglio sulle regioni settentrionali, ove tuttavia non mancheranno delle nevicate sulle aree di confine. Venti sempre dai quadranti orientali, temperature stazionarie o in lieve calo.

Giovedì, un minimo depressionario in avvicinamento da ovest sul versante tirrenico centrale, farà ruotare le correnti da sud. Piogge su Sardegna, ed a seguire su Toscana, Lazio, Campania. Altrove, poco nuvoloso al nord, nubi in aumento sul resto del centro ed a macchia di leopardo sulle regioni meridionali. Temperature senza variazioni di rilievo.

Venerdì, fenomeni possibili e più organizzati sul Triveneto e tirreniche, quest’ultime in estensione verso levante verso sera. Piogge anche sulla Sardegna e tra la Puglia e la Calabria. Ventilazione generalmente da sud, da est sulla pianura Padana e sulla Puglia.

Sabato, giorno dell’equinozio, al momento appare più perturbato sia al nord che lungo le aree centrali, nevicate oltre i 700 m al settentrione, a circa 1300 m lungo le zone appenniniche, fino al centro. Fenomeni diffusi sulla Campania, Lucania, nord Calabria. Venti meridionali, quasi ovunque. Temperature in aumento tra centro e sud, stazionarie al nord.

Infine Domenica, che appare mite per la possibile spinta delle correnti da sud sud est, con le temperature in rialzo su gran parte del territorio nazionale. Precipitazioni diffuse su buona parte tra nord e sud, soprattutto nord ovest e tirreniche.

 

In Abruzzo.

Sarà una settimana come già abbiamo visto con tempo spesso e volentieri perturbato, ove anche la quota neve potrà scendere fino a quote collinari. Fine settimana che sembra al momento con condizioni di tempo marcatamente instabile su tutta la regione, ma con clima decisamente più mite.

Precipitazioni presenti soprattutto sulla fascia peninsulare, tempo migliore a seguire

by Thomas Di Fiore

Le previsioni meteo dall’8 al 14 Marzo 2021.

  

[Previsioni a cura di Thomas Di Fiore dell'Associazione AQ Caput Frigoris].

Dopo le condizioni di tempo stabile e soleggiato negli ultimi giorni, la situazione torna ad un cambiamento che lungo le aree centrali e parte di quelle meridionali della nostra penisola, appare ben decisa con delle precipitazioni abbastanza accentuate. Poi, andremo verso un miglioramento un po' ovunque.

Lunedì, 8 Marzo, festa della Donna, al nord cielo poco nuvoloso, a parte lungo i confini alpini, ove saranno presenti dei fenomeni, nevosi oltre i 900 m circa.  Al centro nuvolosità compatta con piogge moderate, in alcuni casi forti e nevicate oltre i 1400 m. Discreto al sud, con tuttavia dei rovesci fin sulla Lucania, Basilicata. Venti da sud o da sud est come lungo le adriatiche e la pianura Padana, temperature pressochè stazionarie ovunque come nella giornata precedente.

Martedì, sempre abbastanza buono al nord, mentre della nuvolosità diffusa sarà presente dall’Abruzzo in giù con dei fenomeni a carattere moderato. Discreta la condizione anche sul versante tirrenico. Ventilazione generalmente dai quadranti orientali, temperature in calo specie tra le regioni settentrionali e quelle centrali ( tra gli 0°c , +2°c e +5°c ad 850 hpa tra nord, centro e sud).

Mercoledì, deboli fenomeni sul medio e basso adriatico e sulla Calabria, Sicilia. Nevicate al centro oltre i 1000 m circa, 1200 m al sud. Bello altrove. Temperature in calo dalle Marche fino alla Puglia, stazionarie altrove, venti moderati con dei rinforzi da nord est.

Giovedì, miglioramento generale, infatti tra l’altro entreranno delle correnti da ovest, atlantiche che faranno alzare un po' le temperature specie sui versanti adriatici. Qualche debole pioggia sulla Liguria nel corso del pomeriggio. Altrove, stratificazioni al centro nord, quasi sereno al sud.

Venerdì, possibilità di piogge e nevicate lungo l’arco alpino oltre i 1400 m circa. Sulle restanti regioni cielo poco nuvoloso. Venti da ovest sud ovest, moderati, possibile foehn lungo le aree adriatiche. Temperature in lieve aumento ancora.

Sabato, nuvolosità irregolare sulle regioni settentrionali, con piogge e nevicate oltre i 1200 m circa. Fenomeni presenti anche sui versanti tirrenici, fino al Lazio. Meglio sui versanti orientali ed al sud. Temperature in calo di qualche grado, venti da ovest nord ovest.

Domenica infine, possibilità di fenomeni sui versanti di confine, lungo le alpi, con piogge e nevicate . Qualche precipitazione sulla Calabria tirrenica. Sulle restanti zone cielo tra poco nuvoloso e variabile. Temperature stazionarie, venti da nord ovest, anche tra moderati e forti tra la Sardegna e la Sicilia.

In Abruzzo.

Tra Lunedì e Mercoledì, saranno possibili delle precipitazioni a tratti diffuse lungo tutta l’area regionale. Nevicate inizialmente oltre i 1400 m, in calo fin sui 1100 anche 1000 m di Mercoledì mattina. Venti da nord est. Da Giovedì, tempo in generale miglioramento con anche la rotazione dei venti da ovest, associato anche ad un aumento delle temperature. Week end che al momento non appare male.

 

Alta pressione ancora presente, da Venerdì un possibile guasto ad iniziare dal nord.

by Thomas Di Fiore

Le previsioni meteo dall’1 al 7 Marzo 2021.

  

[Previsioni a cura di Thomas Di Fiore dell'Associazione AQ Caput Frigoris].

 

Con il primo Marzo, entra anche la primavera meteorologica, che durerà fino al 31 Maggio. Come ben si sa, questa stagione ( che invece astronomicamente entrerà il 20 Marzo), è spesso capricciosa, con giornate tiepide ed assolate, alternate a quelle con il ritorno di freddo ed accompagnate in alcuni casi da eventi nevosi, specie tra Marzo ed Aprile, di rado a Maggio, ma non certamente impossibile, come accadde due anni fa in Emilia Romagna e su molte aree dell’appennino, settentrionale e centrale.

E comunque sia, questo nuovo mese sembra che vorrà iniziare con tempo piuttosto stabile un po' ovunque lungo la penisola italiana, con temperature più basse sui versanti adriatici, come già sta avvenendo in queste ore, mentre dalla notte tra Giovedì e Venerdì, al momento, sembra esserci il transito di un sistema nuvoloso con dei fenomeni ad iniziare dalle regioni settentrionali e poi su quelle centrali.

Lunedì 1 Marzo, giornata bella quasi dappertutto. Qualche debole disturbo solo tra la Calabria tirrenica meridionale e la Sicilia settentrionale. Nebbie nelle vallate nottetempo ed al primo mattino su tutte le aree vallive. Ventilazione dai quadranti orientali, temperature senza variazioni di rilievo, con valori sui 2/4°c ad 850 hpa.

Martedì, nulla di rilevante, cielo poco nuvoloso ovunque, soltanto qualche stratificazione di poco conto sulla Sardegna e sulla Toscana occidentale. Temperature in lieve aumento nei valori massimi, specie al nord, venti pressochè da est nord est.

Mercoledì, tempo sempre bello grazie all anticiclone ben saldo sul nostro territorio nazionale. Venti deboli da direzione variabile sulle regioni settentrionali, da ovest lungo la fascia tirrenica, da est su quelle adriatiche. Temperature in aumento.

Giovedì, situazione immutata al mattino. Sulle regioni del nord ovest, nel pomeriggio arriverà della nuvolosità con dei fenomeni in serata, nevose oltre i 2000 m circa. Nubi in aumento anche sul resto del settentrione, Toscana, alto Lazio. Venti da direzione variabile al nord, da sud lungo la penisola; temperature senza importanti variazioni.

Venerdì, fenomeni a carattere di rovescio lungo l’arco alpino, nevose in quota oltre i 1500 m, rovesci anche sulle regioni centrali. Meglio al sud, temperature in leggera flessione, specie lungo la fascia peninsulare. Venti da ovest sud ovest, quasi ovunque.

Sabato, giornata che appare più fredda sulle Venezie e lungo il versante adriatico, con dei fenomeni che oltre i 1000 m potranno essere a carattere nevose soprattutto lungo le aree piemontesi e dell’appennino settentrionale. Rovesci anche lungo le aree centrali, con nevicate oltre i 1200 m circa. Meglio al sud. Temperature in calo, venti generalmente da nord est, con dei rinforzi sul Triveneto ed adriatico.

Domenica, altra giornata orientata sull’instabilità su gran parte della penisola, con piogge a carattere di rovescio a macchia di leopardo. Freddo sulle regioni settentrionali e su quelle adriatiche fino al centro. Sulle restanti zone temperature poco più alte, con valori tra i 3 ed i 5°c ad 850 hpa. Venti sempre da nord est, moderati con dei rinforzi su alcune aree esposte.

 

In Abruzzo.

Continueranno le condizioni di tempo stabile e soleggiato, anche se con le temperature più basse rispetto alla scorsa settimana. Da Venerdì, al week end, invece, potranno trovare spazio dei fenomeni a carattere di rovescio con nevicate oltre i 1200 / 1400 m circa. Venti in generale da est.

Italia sotto condizioni anticicloniche da nord a sud.

by Thomas Di Fiore

Le previsioni meteo dal 22 al 28 Febbraio 2021.

  

 

Già sono giorni, in cui la nostra penisola si trova sotto bel tempo un po' ovunque, con cielo poco nuvoloso, nebbie nelle aree vallive, venti deboli. La situazione non solo è destinato a durare, ma a quanto pare, l’anticiclone, di estrazione sub tropicale, tenderà a far elevare i geopotenziali proprio lungo il territorio italiano, garantendo tempo simil primaverile ove anche la colonnina di mercurio aumenterà di diversi gradi.

La giornata di Lunedì 22, al mattino, condizioni di tempo stabile ovunque. Della nuvolosità, nel corso del pomeriggio, potrà presentarsi tra la Valle d’Aosta, il Piemonte, la Sardegna e la Sicilia. Nessun rischio di precipitazioni, temperature in lieve salita specie al centro sud, venti deboli in prevalenza meridionali, più da direzione variabile al nord.

Martedì, l’alta pressione andrà rinforzandosi, con i geopotenziali in aumento (DAM 580 – 584), cielo sereno o alquanto poco nuvoloso su qualche area per delle stratificazioni di poco conto. Temperature in aumento, specie al centro sud con valori che andranno tra i 6 e gli 8°c ad 850 hpa. Pertanto complessivamente una giornata abbastanza mite quasi dappertutto, venti deboli da nord est lungo la fascia adriatica, da ovest su quelle tirreniche.

Mercoledì, giornata davvero quasi primaverile ovunque. Geopotenziali ancora in aumento ( DAM 584 e 592), cielo poco nuvoloso se non sereno su quasi tutta Italia. Temperature in aumento, con tutta la fascia peninsulare con valori intorno ai 10°c alla quota di 1500 m in atmosfera libera. Ventilazione debole settentrionale.

Giovedì, nulla di nuovo, tempo bello e soleggiato, molto mite ovunque su tutta Italia. Temperature stazionarie, ventilazione press a poco come il giorno precedente.

Venerdì, sempre bello ovunque. Qualche stratificazione sul nord ovest.  Temperature in lieve calo all estremo sud, venti dai quadranti orientali, deboli.

Sabato, giornata simile alle precedenti, anche se le temperature tenderanno a scendere di qualche grado al nord. Venti da est, sulle aree orientali, da ovest sulle tirreniche.

Infine Domenica, della nuvolosità inizierà ad apportare dei fenomeni sulla Valle d’Aosta e sul Piemonte. Sulle restanti zone, tempo sempre orientato sul cielo poco nuvoloso. Temperature in calo al nord e parte del centro, senza variazioni di rilievo altrove. Venti non diversi dal giorno prima.

 

In Abruzzo.

Come già avrete capito, la settimana che andremo a vivere sarà con tempo stabile e bello per tutta la settimana. Qualche banco di nebbia nelle vallate al mattino, temperature in aumento con valori sui 10°c ad 850 hpa, pertanto molto mite per il periodo in essere. Venti generalmente deboli da est.